Come arredare una cucina in stile shabby

By | 18 dicembre 2018

L’ambientazione in stile prettamente “shabby chic” sta riscuotendo sempre più successo ed in tanti prediligono questa deliziosa tendenza per arredare la propria cucina.

Questa definizione significa praticamente “trasandato chic” e rappresenta un’eleganza che di primo acchito potrebbe sembrare trasandata.

Invece realmente è curata nei minimi dettagli.

Le sue peculiarità si basano sulle tradizioni più antiche ed è ciò che fa distinguere questo stile da tanti altri.

I suoi pregi si possono valorizzare ancor più nelle cucine però, per renderle delle autentiche ambientazioni “shabby”, è importante seguire dei consigli basilari.

 

Le tonalità e l’arredamento più adatto

 

vetrinette shabby Tutte le sfumature del “bianco” sono le più adeguate, associate alle diverse varianti del colore “pastello”.

Per quanto concerne invece il “materiale”, anche questo deve essere scelto concentrandosi su un genere il più “naturale” possibile.

Dunque bisognerà propendere verso il “legno, la pietra” oppure il “cotto”.

Mentre per le stoffe l’ideale è il “lino”, come pure la “canapa” ed il “cotone naturale”.

 

Valorizzare le tradizioni con lo “shabby chic”

 

La mobilia più antica è perfetta per questa tipologia di arredamento e deve essere mostrata con grande orgoglio, con tutte le sue particolarità e striature che richiamano il “fascino” eccezionale delle tradizioni di una volta.

Con questo stile si potranno rivivere nella propria cucina i valori di un tempo, grazie a questo ambiente così colmo di incanto e charme.

Se si ha già un tavolino magari un po’ troppo nuovo, si potrà tranquillamente tramutare con piccoli accorgimenti in un tavolo “shabby”.

Basterà rovinare qualche punto per farlo subito sembrare più tradizionale e vissuto.

 

Esporre le vecchie usanze con lo stile “shabby”

 

Per ricreare una vera e propria cucina “shabby chic” basterà includere nel suo arredamento tutti i vecchi ricordi della nonna che si custodiscono preziosamente, come ad esempio oggettini decorativi o vecchie fotografie o ancora tovaglie ricamate e all’uncinetto.

Infine la classica dispensa in arte povera che espone file di piatti decorati sarà indubbiamente il mobile d’arredo più notato nella vostra cucina.

Visitando i tipici mercatini “dell’usato” potreste avere la fortuna di trovare della mobilia perfetta per la vostra cucina “shabby”, riuscendo anche a limitare considerevolmente le spese.

Così facendo non solo riuscirete a creare un’ambientazione calda ed accogliente, ma vi si respirerà proprio un’atmosfera di “altri tempi” che scalderà gli animi dei visitatori ma anche di chi la vivrà quotidianamente.

 

La grande rilevanza degli “accessori”

 

Altri complementi d’arredo originali e tipicamente “shabby” sono il classico pentolame ramato appeso in bella vista, le tende fatte a mano, le brocche che si trasformano in vasi per i fiori, lucerne che diffondono un’illuminazione decisamente soft in tutta la stanza.

 

Il cambiamento dello stile “country”

 

Chi ama lo stile “shabby chic” sicuramente ha sempre adorato anche le ambientazioni tipicamente “country”, visto che lo “shabby” rappresenta proprio la trasformazione più moderna della tendenza “country”.

Pertanto l’arredamento avrà certamente pure un tocco essenzialmente rustico e naturale.

Si potranno aggiungere delle deliziose piantine di aromi, rallegrare l’ambiente con tocchi floreali e magari metter in bella vista un bel cesto colmo di “uova fresche”.

Con questi piccoli ma preziosissimi dettagli, riuscirete ad ottenere una cucina piacevolmente romantica e dal sapore deliziosamente vintage.

Cucina che di sicuro susciterà l’ammirazione ed i complimenti di tutti coloro che vi faranno visita.

Proprio per la sua originalità che solo lo stile “shabby chic” può offrire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *